New York day 3

Dubbio amletico.
Vista sulla città, meglio l’Empire state building o il Rockfeller Center?

Dalla colazione salutista dell’hotel abbiamo deciso di passare a qualcosa di più sostanzioso, in un tipico locale americano

image

image

Prossima tappa direzione AMERICAN MUSEUM OF NATURAL HISTORY.
Sebbene la cosa mi renda perplesso perchè in 2 giorni a New York stiamo già vedendo due musei, e so che il buon Neri è allergico alla cultura, prendiamo la metro e usciamo alla fermata 81st (linea A-C-B-D). Il museo è situato a metà del central park lato west, e direttamente dalla subway si accede all’interno del museo. Il costo è di 25$ incluso di uno spettacolo extra (a scelta tra tre), oppure 19 $ solo il museo. Le sezioni sono dislocate in 4 piani, l’ingresso, il più famoso, presenta una copia della struttura ossea di un grande barosauro.

image

Il museo vuole rappresentare l’ evoluzione dei vertebrati e varie sezioni antropologiche divise per zone del mondo. Ecco una carrellata di ciò che è al suo interno.

image

image

image

Molto belle e ben realizzate le sezioni di ogni parte del mondo, con sfondi circolari e gli ‘accessori’ curati in ogni minimo dettaglio.

image

image

image

image

image

Dopodichè siamo passati a vedere anche il vicino ROSE CENTER FOR EARTH AND SPACE

image

image

Pausa pranzo in un locale/pub vicino al museo (Number 10).

image

image

image

image

Ecco come sono invece tutti i tagli di $.

image

La meta successiva è la vista della città dall’alto e dopo aver risolto il dubbio amletico se meglio il rockefeller o l’Empire, abbiamo optato per il primo.
ROCKEFELLER CENTER
Costruito nel 1931, dalla famiglia di banchieri rockefeller, nel corso degli anni è diventato un agglomerato di palazzi, 19 per la precisione, il più alto di 70 piani e circa 260 metri. Ora anche sede della nbc e di altri prestigiosi uffici. L’esterno del palazzo non è un gran che, così come gli interni, struttura troppo vecchia e obsoleta, ma lo spettacolo di Natale con l’albero e la pista di pattinaggio, lo fanno diventare un posto molto magico. Inoltre la vista che si ha dalla sua cima è la migliore di New York. L’ingresso costa 25$ e i controlli di sicurezza sono molto rigidi, sembra di essere in aeroporto. Non c’e nessun bar o roof terrace con tavolini, e questo gli fa perdere parecchi punti.

image

image

image

image

image

image

image

Di fronte al Rockefeller c’e una chiesa, molto piccola e graziosa, la ST.PAUL CHURCH.

image

image

Abbiamo anche fatto un giro al più grande centro commerciale di New York, chiamato MACY’S, se cercate qualcosa da vestire, qualche profumo, orologi, scarpe ecc, lì sicuramente lo troverete. Una specie di Harrods per indenderci, ma molto meno elegante e bello. È vicino allo Staples centre.

image

Un rapido giro nei dintorni dell’hotel (il tutto un po’ New york vera, senza grattacieli).

image

image

image

Di sera invece, il solito hamburgher in un pub (abbiamo cercato qualcosa di diverso ma cosa c’e di americano? New york è famosa x il pastrumi, ma non ci ispira per nulla!!).

image

image

image

image

Non stanco, come sempre ho rotto le.scatole ai miei due compagni per andare a vedere il Long island Pier, per ammirare lo skyline di New York (adori gli skyline, forse di notte ancora di più), e nonostante Stefano avesse paura di essere circondato in breve tempo da dei malviventi, la location era molto bella. Con il cellulare le foto non sono venute be ne, quando tornerò a casa e sistemo quelle fatte con la reflex, vedrete al meglio quello che vi sto raccontando.

image

image

Ora a letto, domani tra 6 ore, sveglia e volo x Las Vegas!!